Assicurazione R.C. Professionale Unipol N. 65/81214027

News

Diffondere post offensivi dell’azienda datrice di lavoro su Facebook è causa idonea di licenziamento.

In tema di licenziamento disciplinare, costituisce giusta causa di recesso, in quanto idonea a ledere il vincolo fiduciario nel rapporto lavorativo, la diffusione su Facebook di un commento offensivo nei confronti della società datrice di lavoro, integrando tale condotta gli estremi della diffamazione, per la attitudine del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del messaggio tra un gruppo indeterminato di persone. Così ha stabilito la Corte di cassazione, sez. lavoro, con ordinanza n. 12142 del 06.05.2024.

 

Scegli di farti assistere da Noi.

Contatta lo Studio Legale
Anna Maienza & Associati

Compila il Form per essere ricontattato

    Chiama Subito