Assicurazione R.C. Professionale Unipol N. 65/81214027

News

Per il versamento dell’assegno di mantenimento è valido sia il patto stipulato tra i coniugi sia la pattuizione intervenuta dopo la sentenza di divorzio, in forza del principio di autonomia negoziale ex art. 1322 c.c.

In tema di accordi conclusi in vista del divorzio, è valido il patto stipulato tra i coniugi per la disciplina della modalità di corresponsione dell’assegno di mantenimento, che preveda il versamento da parte del genitore obbligato direttamente al figlio di una quota del contributo complessivo di cui risulta beneficiario l’altro genitore. Parimenti, è valida ed efficace la pattuizione intervenuta tra i coniugi successivamente alla sentenza di divorzio, trovando essa fondamento nell’art. 1322 c.c. e nel principio di autonomia negoziale ivi stabilito, non costituendo detto accordo una lesione di diritti indisponibili. Infatti, ogni accordo transattivo relativo alle attribuzioni patrimoniali, concluso tra le parti ai margini di un giudizio di separazione o di divorzio, ha natura negoziale e produce effetti senza necessità di essere sottoposto al giudice per l’omologazione. Così ha stabilito la Cassazione civile, Sez. I con l’ordinanza n. 35508 del 19.12.2023.

 

Scegli di farti assistere da Noi.

Contatta lo Studio Legale
Anna Maienza & Associati

Compila il Form per essere ricontattato

    Chiama Subito