Assicurazione R.C. Professionale Unipol N. 65/81214027

News

Per la liquidazione del danno causato dalla diffamazione a mezzo stampa non si può by-passare la valutazione equitativa in relazione al caso concreto

Nella diffamazione a mezzo stampa, la liquidazione del danno non patrimoniale presuppone una valutazione necessariamente equitativa, la quale non è censurabile in Cassazione, sempre che i criteri seguiti siano enunciati in motivazione e non siano manifestamente incongrui rispetto al caso concreto, o radicalmente contraddittori, o macroscopicamente contrari a dati di comune esperienza, ovvero l’esito della loro applicazione risulti particolarmente sproporzionato per eccesso o per difetto. Così ha stabilito la Cass. Civ., Sez. III, 26 giugno 2023, n. 18217.

 

Scegli di farti assistere da Noi.

Contatta lo Studio Legale
Anna Maienza & Associati

Compila il Form per essere ricontattato

    Chiama Subito