Assicurazione R.C. Professionale Unipol N. 65/81214027

News

Lo stalking si può realizzare anche attraverso post pubblicati sulla propria pagina Facebook

Il delitto di atti persecutori può configurarsi anche attraverso interventi sulle proprie pagine dei social network, potendosi realizzare anche attraverso tale utilizzo di internet delle condotte idonee ad intimidire altri con minacce o molestie ed inducendo nelle stesse quella condizione di ansia e timore caratterizzante la fattispecie di cui all’art. 612-bis c.p., questo è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione penale, Sez. V, nella sentenza n. 19363 del 17 maggio 2021.

 

 

Scegli di farti assistere da Noi.

Contatta lo Studio Legale
Anna Maienza & Associati

Compila il Form per essere ricontattato

    Chiama Subito