Assicurazione R.C. Professionale Unipol N. 65/81214027
02.4691225 - 02.43993165

News

Nozze gay celebrate all’estero non trascrivibili in Italia.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 11696/2018 ha respinto il ricorso presentato da una coppia omosessuale (uno dei soggetti è cittadino straniero), contro la decisione della Corte d’appello di Milano che aveva rifiutato la trascrizione del matrimonio celebrato in Brasile nel 2012 e poi in Portogallo nel 2013. Secondo la Suprema corte, non si pone, nel caso di specie, una questione di legittimità costituzionale. Il fatto che l’atto di matrimonio formato da un cittadino straniero e uno italiano non sia trascrivibile non rappresenterebbe, infatti, una discriminazione per ragioni di orientamento sessuale e, del pari, non si porrebbe una incompatibilità con il diritto internazionale, considerato che la scelta del modello di unione riconosciuta tra persone dello stesso sesso negli ordinamenti aderenti al Consiglio d’Europa è lasciata alla valutazione sei singoli Stati dell’Unione europea.

Leave a Reply